Ottobre 2006

E' normale fare due chiacchiere tra effettivi intanto che si lavora alla club house per renderla più bella, davanti ad un paio di birre oppure quando ci si scervella fino a tarda notte durante gli aggiornamenti del sito.
Capita però di tanto in tanto che una semplice battuta diventi argomento di conversazione ed infine evolva fino a trasformarsi, in questo caso, in un editoriale.
Veniamo al punto: negli ultimi tempi tutti noi abbiamo notato un consistente aumento delle customs sulle nostre strade. Se ne vedono sempre di più ai motoraduni, davanti a birrerie e punti di ritrovo. Il parcheggio del Motoduck di quest'anno era pieno al collasso di forcelle lunghe, manubri apehanger, scarichi aperti e scallops, fiamme e pinstriping.
Il nostro club recentemente è aumentato di numero e tutti i gli ultimi entrati cavalcano customs e si dicono convinti della scelta di portare un gilet.
Negli ultimi anni sono nati molti nuovi clubs (più o meno seri). Io stesso dopo anni da motociclista solitario sono entrato negli Street Diamonds e dalla prossima primavera viaggerò col culo basso...

I Bikers stanno tornando alla riscossa? Parrebbe proprio di si. Passi il fatto che le mode sono cicli che si ripetono all'infinito e che forse stiamo assistendo ad un fenomeno passeggero… (d'altronde negli anni 90 si vedevano in giro solo degli scooter) ma noi ci facciamo dei viaggi mentali e ci piace pensare che parte del merito di questo ritorno degli Easy Riders vada ad appannaggio di tutti quei Clubs con fondamenta solide che in questi anni hanno lavorato bene e con continuità, facendo conoscere una realtà diversa dalla solita, fatta da chi ha dimostrato di avere solide regole comportamentali basate sul reciproco rispetto, lasciandosi alle spalle la figura (errata) del “teppista”. Clubs composti da persone libere che sanno vivere la strada, persone socievoli ma che non si fanno mettere i piedi in testa, persone che hanno scelto di stare fuori dalla massa e non si sono mai piegate davanti al conformismo e alle sue banalità. Concludendo, pensiamo che questo avvicinamento alla filosofia biker sia un giusto riconoscimento all'impegno che noi (e chi prima di noi) dimostriamo ogni giorno. Se volete saperne di più fatevi vivi che magari ci facciamo una birra insieme. Vi aspettiamo numerosi alla nostra prossima festa.


"Street Diamonds 1998 Ferrara"
Motoclub F.M.I.